mariofblogo.jpg

Bici Radar

banner2-be.jpg



Facebook share

CB Login

Chi e' online

Abbiamo 19 visitatori online

Cerca

Vendonsi abbigliamento epoca

001.jpg

Vendonsi scarpe vintage anni'70

001scarpe01.jpg

Facebook Bici D'Epoca

001facebook.jpg
 
 facebook 

Vendonsi Caschi vintage

001caschivintage10.jpg
Caschi vintage anni'70-'80 

Vendonsi occhiali vintage

La "Classicissima d'Epoca" 2016

0001.jpg

Vendonsi Bicicli-Grand-Bi

grandbi001.jpg  
Per informazioni e prenotazioni
clicca sull'immagine sopra

Giro D'Italia D'epoca 2014

 
CALENDARIO  
 
G.I.D.E. - V edizione 
 
LE TAPPE

  giroepoca.png
 
 

Tariffa Migliore

bollette.png

Tutti gli annunci gratis!!

manifestobicidepoca-001.gif
Per pubblicare o rispondere
agli annunci
REGISTRATI è gratis

Ciclismo eroico

a cura di Carlo Delfino
001carlodelfino.jpg

I campioni del ciclismo

a cura di Gianni Trivellato
001trivellato.jpg

I Girini sconosciuti

  a cura di Giampiero Petrucci 
 
001giampietropetrucci.jpg
 
La nostra redazione, in collaborazione con Giampiero Petrucci, il noto storico di ciclismo, dato l'avvicinarsi del Giro d'Italia, decide di dedicare un'apposita rubrica ai girini più sconosciuti, riprendendo ed ampliando quanto apparso sul fortunato libro W tutti (edito da Bradipolibri)  che sta avendo un grande successo editoriale nonchè recensioni entusiaste.

Ciclisti eroici

a cura di Leonardo Arrighi
001leonardoarrighi.jpg

Vendonsi biciclette vintage

001.jpg

Registro Storico Cicli

001registrostoricocicli.jpg

Ciclismoinminiatura

001ciclismoinminiatura.jpg

Decadence blogspot

La Repubblica

Meteo e Previsioni del tempo

meteologo.jpg

Francesco Moser

moser001.jpg

Rubrica: tecniche di restauro

001.jpg
La visione solo utenti registrati

Accessori e ricambi d'epoca

La visione solo per utenti registrati.

Ciclismo estremo

giulianocalore001.jpgsimone003.jpg
  
 
 
 

Videoteca Bici D'Epoca

 
video.png

Videoclip: Vendesi Bici Squadra Corse Bianchi 1954

Pedalando sempre più in alto.....

Vendesi bici della Squadra Corse Bianchi 1954

    Vendesi  bici Bianchi della Squadra Corse Bianchi 1954 (N° telaio 99.9033 cm 54x54) La bici con cui corse Michele Gismondi ....fedele gregario di Faus...
Read More ...

Nuove Maglie Vintage

Vendonsi Nuove Maglie Vintage ...
Read More ...

Vendonsi maglie d'epoca (repliche)

      Vendonsi   Maglie d'Epoca (repliche)   ante anni '30     Abbiamo disponibili maglie vi...
Read More ...

Syndication

CB Online

Nessun utente online

Bici d'Epoca

Pedalando nella storia

copertina.gif
La visione utenti registrati
Home
Ottavio Bottecchia: l'uomo del giallo PDF Stampa E-mail
000001.jpg

 

 

 

  

Campioni Eroici

OTTAVIO BOTTECCHIA

1924-1925:
 
Botescià, l'uomo del giallo
 
di Carlo Delfino e Giampiero Petrucci 
 
bottecchia001.jpg
Bottecchia in corsa al Tour de France 

Il giallo è il colore del mistero. Nella storia del nostro ciclismo un corridore su tutti può essere definito “l’uomo del giallo”. Non solo per i molti “segreti” e le atipicità che accompagnano la sua carriera,ma soprattutto per essere stato il primo italiano nella storia ad aver indossato la maglia gialla ed aver vintoil Tour de France, addirittura cogliendo il bis in due anni successivi: impresa, quest’ultima, mai riuscita a nessun altro atleta del nostro paese. Stiamo parlando di Ottavio Bottecchia, un nome ed un cognome che rimangono impressi come colpi di mazza.

 
bottecchia003.jpg 
Ottavio Bottecchia vittorioso a fianco di Lucien Buysse
 
Nato al confine tra Veneto e Friuli, pordenonese d’adozione, Bottecchia “esplode” a sorpresa nel 1923, a 28 anni suonati, dopo una giovinezza difficile, vissuta con umiltà e sacrificio, tra diversi mestieri saltuari e faticosi (calzolaio, muratore, carrettiere). Ma con un’unica, grande passione: la bicicletta. Bottecchia è uno dei tanti “isolati”, un “pedalatore della domenica” talmente scalcinato da avere i tubolari tenuti insieme con il nastro isolante. Ma, come diceva Binda, per pedalare “sono necessarie le gambe”. E Bottecchia dimostra di possedere due stantuffi: nel “Lombardia” del 1922, la prima corsa di spessore alla quale partecipa quasi per caso, giunge ottavo e viene notato da Ganna che gli dà fiducia, fornendogli, con il materiale della sua “casa”,la chance della vita.
 
bottecchia02.jpg
Bottecchia in fuga sulle Alpi 
 
Bottecchia ci prova, con tenacia e convinzione: nella “Sanremo” guadagna tra lo stupore generale (è ancora uno sconosciuto) le 500 lire del GPM sul Turchino, sopravanzando campioni famosi come Bellonie Girardengo. Al traguardo è nono ma non raccoglie molti consensi. Bruno Roghi, prestigioso giornalista della “Gazzetta”, si chiede infatti parlando del suo potenziale atletico futuro: “Come si fa a scalare l’Olimpo e chiamarsi Bottecchia?”. Quando si corre il Giro, l’italiano Aldo Borella, uomo di ciclismo residente a Parigi, è inviato della celebre squadra “Automoto” a caccia di assi da portare al “Tour”. Borella, dopo i rifiuti dei blasonati Girardengo e Brunero, è “costretto” ad ingaggiare Bottecchia che si distingue in salita, chiude quinto a Milano ed è primo tra gli “isolati”. Tuttavia Ottavio è accolto con malcelato scetticismo a Parigi.Alphonse Baugé, smaliziato ammiraglio di mille eroiche battaglie ciclistiche, vedendo la scelta di Borella, si lascia scappare una frase storica che sarà poi anche inopportuna: “Per aspettare questo qui, faremo tardi la sera”.
 
bottecchia006.jpg 
Bottecchia primo sul Turchino davanti a Belloni nella Milano-Sanremo del 1923 
 
In effetti Bottecchia non ha il phisique du role: magro, dimesso e timido, quasi sciatto, un naso da avvoltoiosu un viso aguzzo, non sembra proprio possedere le stimmate del fuoriclasse. Ma Ottavio in sella si trasforma: nella prima tappa va in fuga e giunge secondo a Le Havre, nella seconda stacca tutti sulla cote cheporta al traguardo di Cherbourg ed indossa la maglia gialla! I francesi, per primi i dirigenti dell’Automoto,sono attoniti; gli italiani (che seguono il “Tour” sui giornali) si chiedono da dove sia uscito questo nuovo e misterioso fenomeno. Tanto non dura, si dicono in molti. Invece Bottecchia brilla pure sui Pirenei e Henri Pelissier, suo prestigioso “capitano” e destinato al ruolo di primattore, inizia a preoccuparsi. Una fringale,provocata da strani e sospetti dolori di stomaco, mette fine al sogno del “muratore friulano”: Botescià (come lo chiamano i transalpini storpiando il suo cognome) cede sulle Alpi, tra Allos ed Izoard. Perde la maglia gialla, ma a Parigi mantiene la seconda piazza, alle spalle dell’immaginifico Pelissier. E’ nata, dal niente, una stella? Difficile dirlo. Tornato in Italia, Bottecchia si mantiene ai margini del podio: raccoglie infatti un deludente quarto posto nel “Lombardia” di Brunero.
 
bottecchia005.jpg
Bottecchia prima della corsa posa per i fotografi 
 
Ma nel 1924 ogni scettico è zittito. Anonimo nelle classiche di primavera, assente al Giro, Ottavio è strepitoso al “Tour”, sin dalle prime battute. Botescià è imbattibile e compie una prodezza assoluta: vince la prima tappa in volata e tiene la testa della “generale” fino a Parigi! Sui Pirenei, quando i fratelli Pelissier (capita l’antifona) si sono ritirati da un pezzo, Bottecchia si esalta: nel tappone Bayonne-Luchon (con Aubisque, Tourmalet e Peyresourde) stacca tutti sin dalla prima asperità e dopo quasi 150 km di fuga solitaria giunge al traguardo con quasi venti minuti di margine. Vince anche a Perpignan e pure al Parco dei Principi, chiudendo la “grande boucle” con 35’ sul secondo classificato, il valido lussemburghese Frantz.I francesi, Desgrange per primo, lo ammirano e lo rispettano. Gli italiani si chiedono dove sia l’inghippo:come può un corridore stracciare tutti in Francia e deludere in Italia? Il mistero continua ad alimentare le discussioni dei tifosi.
 
bottecchia004.jpg
Bottecchia dopo una tappa del Tour de France 
 
L’anno seguente stesso copione. Primavera deludente, estate fenomenale. Bottecchia rivince a Le Havre,stavolta in solitario, volando in pianura a 40 all’ora, dimostrando a tutti di avere pure buone doti di passista.Nella terza frazione, quando l’outsider Benoit indovina la fuga giusta, il friulano tira i remi in barca e gli lascia volentieri la maglia gialla. A Bayonne si riprende il primato ma sull’Aspin, in una giornata tempestosa,con il fango che si appiccica alle ruote, va inaspettatamente in crisi e Benoit si riveste di giallo. Chi già intona il de profundis, non ha tempo nemmeno per concludere il suo improvvido ragionamento: nella tappa seguente, un’altra passeggiata di 320 km su e giù per i Pirenei, sotto la pioggia, Bottecchia si scatena sul Puymorens e poco importa se nel finale viene superato da Frantz. Il primato è nuovamente suo.
 
Altra prodezza sulle Alpi Marittime, nella Tolone-Nizza, quasi a ringraziare i molti italiani che hanno sconfinato per applaudirlo: sul temibile Braus attacca come un forsennato, aggredendo la strada col suo stile un po’sgraziato ma da grimpeur irrefrenabile. Solo il compagno Buysse, un coriaceo fiammingo che non molla mai, gli resiste. I due affrontano Boucle de Sospel, Castillon e Turbie con il piglio dei dominatori assoluti e Frantz precipita a 27’. Anche Vars ed Izoard stavolta sono amici: mentre Bartolomeo Aimo, un solido piemontese che Hemingway citerà in “Addio alle armi”, vince a Briancon, Bottecchia guadagna altro terreno su Frantz il quale poi cede di schianto sull’Aravis. A Parigi trionfo assoluto per l’Automoto: Buysse è secondo a 54’, l’ottimo Aimo terzo a 56’.
 
bottecchia007.jpg 
Bottecchia in fuga sulle Alpi al Tour de France 
 
Ottavio è all’apice della carriera. Ricco e famoso, abbellisce la sua casa, compra una Limousine di lusso,si gode il benessere dopo anni di stenti. Le solite male lingue dicono che sperperi qualche soldo di troppo,in feste e baldorie, con l’amico fraterno Piccin e le immancabili vampire. Ma sono illazioni da gossip:Bottecchia vince, con Girardengo, anche il “Provincia di Milano”, cronometro a coppie antesignana del “Baracchi”, e va in tournée in Sudamerica dove è festeggiato con grandi onori dai nostri molti connazionali.
 
Ma qui cominciano i misteri. Già la carriera di Bottecchia ha i contorni del “giallo”, reale od apparente:due “Tour” vinti, 34 “maglie gialle” indossate, una singolare esplosione agonistica sulla soglia dei 30 anni,un’inconsueta e sbilanciata differenza tra le affermazioni parigine e le contraddittorie prove italiane, un sogno avveratosi quasi come un miracolo. A completare il quadro giunge un declino altrettanto improvviso e misterioso. Il 1926 inizia con una grana di non poco conto: Bottecchia non divide con i compagni di squadra i premi in denaro guadagnati nel “Tour” dell’anno prima. L’Automoto non gliela perdona, francesi e belgi attendono il momento propizio per la vendetta. Le solite delusioni primaverili stavolta non sono foriere di un’estate vincente.
 
bottecchia008.jpg
Ottavio Bottecchia, detto dai francesi Botescià (storpiando il suo cognome)
 
Nelle prime tappe del “Tour” Bottecchia fora a ripetizione ed i compagni lo lasciano solo come un qualsiasi touriste-routier. Perde ben 45’ e nel tappone pirenaico, dopo uno sterile attacco,precipita nelle retrovie. Stanco e sfiduciato, in debito non solo con i compagni ma anche con la sorte, sulle montagne che lo avevano lanciato tra i campionissimi, affronta il suo calvario: sull’Aspin si ritira e la sua uscita di scena ha il fragore di un lampo a ciel sereno. Unico, affascinante, singolare, stordente e, soprattutto,misterioso. Il quarto posto nel “Lombardia” (che il nuovo fenomeno Binda vince mezz’ora di margine)rappresenta il suo ultimo risultato degno di nota.Di lui si parla come di un corridore finito.
 
bottecchia009.jpg
Un primo piano di Ottavio Bottecchia 
 
Ma, con la solita costanza, nel 1927 riprende ad allenarsi ed a correre. Il mistero però si infittisce, il “giallo” acquista i contorni del thriller. Nel finale della Bordeaux-Parigi, già attardato, scende improvvisamente di sella, la testa tra le mani, spaurito e confuso, lo sguardo assente nel vuoto. Per alcuni minuti balbetta, ovviamente si ritira. Torna a casa, si riposa. Diserta il “Giro”,ma non molla e torna ad allenarsi. Qualcuno si domanda cosa lo spinga ad insistere: i soldi non gli mancano,sulla soglia dei 33 anni potrebbe pure appendere la bici al chiodo. Invece il 3 Giugno parte di buon’ora da casa per un allenamento intorno al Tagliamento. Lo ritrovano nel primo pomeriggio, sdraiato ai bordi della strada, nei pressi di Peonis, in stato di semi-incoscienza, la testa sanguinante. Trasportato all’ospedale di Gemona, muore dopo dodici giorni di coma. Il “giallo” della sua morte perdura ancora oggi, dopo mille indagini ed ipotesi formulate da attenti ricercatori.
 
bottecchia010.jpg 
La copertina di un libro francese dedicata
al grande campione eroico Bottecchia
 
Rimane, oltre all’enigma sul suo decesso, l’aspetto tecnico di un corridore dalla carriera atipica: scalatore formidabile, buon passista, strepitoso sui Pirenei, mediocre nelle corse in linea ed anonimo nelle gare italiane. Il mistero non manca nella vita di Bottecchia, il muratore venuto dal nulla, capace di coronare un sogno. Un sogno troppo breve. Breve come un lampo. Un lampo giallo.
 
 
 
 
< Prec.   Pros. >